• Image
  • Image
  • Image
  • Image

Sei qui » News

Le ultime News

luglio 02, 2015
Cheratosi attinica: dalla fotoprotezione alla cura con la luce del sole

Milano, 2 GIUGNO 2015 - La cheratosi attinica, patologia della pelle legata all’esposizione solare, è stata recentemente inclusa dal Ministero della Salute tra i tumori della pelle. Il suo trattamento è sempre necessario: nel 60% dei casi il carcinoma cutaneo a cellule squamose si forma a partire da una cheratosi attinica.

Durante il 23° congresso Mondiale di dermatologia tenutosi a Vancouver è stata presentata una modalità innovativa di questa terapia: la fotodinamica in day-light (DL-PDT, daylight photodynamic therapy), ovvero la terapia fotodinamica che utilizza la luce del sole come sorgente luminosa. La terapia sviluppata da Galderma è stata approvata nel corso di una procedura di mutuo riconoscimento che ha visto coinvolti 19 stati europei. “La terapia fotodinamica convenzionale, raccomandata dalle linee guida europee del 2013 e pubblicate sul Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology, consiste nell’utilizzo di una sostanza fotosensibilizzante applicata nella zona da trattare. - spiega la professoressa Maria Concetta Fargnoli direttore della Clinica Dermatologica dell'Università dell'Aquila - "L’impiego di luce artificiale ad una specifica lunghezza d’onda attiva la sostanza, determinando la morte selettiva delle cellule tumorali. È una terapia molto efficace che oltre ad avere una percentuale di risposta elevata dà un buon risultato cosmetico. Diversi studi dimostrano come la terapia fotodinamica porti ad una remissione delle cheratosi attiniche con una risposta completa delle lesioni del 70 - 90% a tre mesi". "La terapia fotodinamica in day-light - conferma la professoressa Ketty Peris direttore dell'Istituto di Dermatologia Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Gemelli di Roma-, ha dimostrato una risposta analoga alla terapia fotodinamica convenzionale, tra l’89,2% e il 92% dei casi, ed è stata associata ad una riduzione significativa dell’intensità degli eventi avversi rispetto alla terapia tradizionale. Recenti studi dimostrano che la terapia fotodinamica in day-light ha efficacia paragonabile alla terapia tradizionale a prescindere dalla condizioni climatiche e dalle latitudini a cui viene praticata. Può essere infatti effettuata sia in condizioni di tempo soleggiato che nuvoloso, ma non quando piove”. E a proposito di dati statistici, sono scarsi quelli relativi all’incidenza della cheratosi attinica tra gli italiani: l’attuale stima dell’1,4% e del 3% negli ultra-settantenni è considerata ampiamente sottostimata dagli specialisti. L’incidenza di questa patologia è leggermente più alta negli uomini, poiché essi tendono a trascorrere più tempo al sole e ricorrono meno all’uso di filtri solari.

“Una recente analisi di oltre 8.578 cartelle cliniche ambulatoriali sui fattori di rischio e sull’approccio terapeutico a questa patologia ha confermato il ruolo dell’esposizione solare nell’insorgenza delle cheratosi attiniche - afferma la professoressa Maria Concetta Fargnoli -. La lesione è comunque solo la punta di un iceberg: oltre alle cheratosi visibili sono spesso presenti lesioni subcliniche invisibili. Dal momento che non è possibile prevedere se e quale cheratosi attinica evolverà in carcinoma invasivo è importante trattarle. Tra le possibili terapie quella fotodinamica, con una percentuale di risposta positiva del 70-90%, si conferma uno dei trattamenti più efficaci. Alcune categorie di persone devono prestare particolare attenzione quando si espongono al sole: il rischio è maggiore per i soggetti con il sistema immunitario compromesso (trapiantati, pazienti sottoposti a terapie con immunosoppressori, affetti da malattie reumatiche o da malattie infiammatorie croniche); anziani; soggetti con familiarità o che già presentano cheratosi attiniche o altri tipi di tumori cutanei non-melanoma. Ma non solo: anche persone che trascorrono molto tempo all’aria aperta per motivi professionali (vigili, lavoratori edili, giardinieri, bagnini, etc.) o per motivi ludici (chi pratica sport all’aria aperta, velisti, surfisti, ecc.). “I soggetti a rischio dovrebbero utilizzare fotoprotettori specifici per proteggere la pelle dai rischi legati all’esposizione solare. Oggi è disponibile un fotoprotettore specifico che ha elevate performance protettive e che ha dimostrato di poter prevenire l’insorgenza della cheratosi attinica -spiega Giuseppe Argenziano, Professore di Clinica Dermatologica presso la Seconda Università di Napoli -. La specificità di questo prodotto è dimostrata da studi condotti proprio sulle categorie più a rischio che ne hanno provato l’efficacia su un elevato numero di pazienti trattati. Altre proprietà che rendono specifico questo prodotto sono il fattore di protezione molto alto e l’indicazione delle quantità da utilizzare al fine di ottenere uno spettro di protezione molto mapio nei confronti degli ultravioletti”.


 

 

 

Pubblicato: News

Seguici Follow us on twitter Follow us on Linkedin

Responsabilità aziendale

Far crescere una comunità dermatologica responsabile

Impegnati in tutto il mondo

Scopri di più          

Video

Il nostro impegno

 Guarda il video